Dal 21 marzo al 21 giugno 2016 a Firenze, Roma, Napoli, Palermo, Padova

TACCHINI, PIETRO (1838-1905)

“Fisica solare”
Bullettino del Reale Osservatorio di Palermo vol. VII, 1871 [2], 164 p., [10] plates, ill., 360 mm 3 tavole litografate, 1871. Litografia Fraunfelder, Palermo
Marzo (a); 315 x 230 mm
Marzo (b); 315 x 230 mm
Agosto (c); 325 x 430 mmm

INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo, Biblioteca

Le tavole in mostra sono le litografie dei disegni di protuberanze solari osservate da Pietro Tacchini mediante lo spettroscopio Tauber [cfr. Pa. 01] applicato al telescopio Merz [cfr. Pa. 15] dell’Osservatorio di Palermo.
Il confronto delle osservazioni contemporanee del bordo solare tra gli Osservatori di Palermo e del Collegio Romano, poi anche dell’Osservatorio di Padova, porterà in quello stesso anno alla fondazione della Società degli Spettroscopisti Italiani (cfr. Sez. 5).
Tacchini, particolarmente abile nell’osservare e disegnare il bordo solare e le strutture della cromosfera, nel 1871 formulò una delle prime classificazioni delle protuberanze solari, distinguendole in nebulose, filamentose e radiate (Tacchini 1871, pp. 93-94). Recenti confronti con immagini ottenute al coronografo evidenziano l’accuratezza e la qualità dei dettagli di questi disegni, che mettono in rilievo la straordinaria abilità di Tacchini. [i.c., d.r.]